Cerca
Filtri generici
en English

Cerca
Filtri generici

en English
Condizionamento al cloro per inceneritori
#Riduce la corrosione sui super riscaldatori
sommario

Mantiene il cloro in equilibrio con SO3

Durante la combustione della biomassa, il cloro viene rilasciato in diverse forme e in quantità diverse, a seconda del tipo di biomassa.

In combinazione con i metalli alcalini contenuti nel carburante, si formano cloruri alcalini che provocano una forte corrosione nell'impianto.

Per evitare danni ai surriscaldatori, il processo di condizionamento del cloro di Pentol utilizza il gas SO3 per stabilire un equilibrio zolfo-cloro. Bilanciando il cloro con l'SO3, è possibile arrestare completamente la corrosione ad alta temperatura e rimuovere i depositi corrosivi sui surriscaldatori.

Principio di azione

Bilancio zolfo / cloro

L'approccio di Pentol per ridurre la corrosione da cloro si basa sul presupposto che la corrosione riscontrata sulle superfici dei super riscaldatori sia basata sul meccanismo della corrosione da cloro ad alta temperatura.

SO3 viene iniettato per solfatizzare i cloruri nei fumi della 2nd passaggio della caldaia. I cloruri alcalini vengono trasformati in solfati alcalini. Con un'elevata o addirittura totale solfatazione dei cloruri alcalini nei fumi, i cloruri alcalini non possono più condensare sul surriscaldatore e prendere parte al processo di corrosione. Senza il materiale di base il processo di corrosione viene rallentato o addirittura interrotto completamente.

SO3 viene scelto su SO2 a causa della sua elevata reattività.

Il processo di solfatizzazione è descritto nelle seguenti reazioni:

2 KCl + SO3 + H2O -> K2SO4 + 2 HCl

2 KCl + SO3 + 1/2 O2 -> K2SO4 + Cl2

Reazioni simili si verificano con sodio o calcio.

Teoricamente, è possibile bruciare un combustibile solforoso per la co-combustione per solfatizzare i cloruri alcalini. Tuttavia, a causa della bassa velocità di reazione dell'SO2, il processo di solfatazione non è sufficiente per la solfatizzazione completa. Nei test è stato riscontrato che SO3 reagisce circa 1000 volte più velocemente di SO2.

La solfatizzazione di NaCl e KCl attraverso SO3 (e SO2) è più efficiente se i cloruri alcalini sono gassosi. Il miglior intervallo di temperatura per il processo di solfatizzazione inizia a 600 ° C. Tuttavia, l'intervallo di temperatura è limitato a 800 ° C, poiché l'SO3 libero al di sopra di questa temperatura sarà ridotto a SO2 per ragioni termodinamiche.

Per una solfatazione ideale dei cloruri alcalini nei fumi secondo le reazioni descritte è sufficiente un rapporto molare di Cl / S = 2. A causa delle non linearità del processo tecnico, sarà richiesto un rapporto più elevato nelle applicazioni del mondo reale.

Benefici

Punto di dosaggio

L'SO3 viene idealmente iniettato direttamente nell'aria di combustione. In alternativa può essere iniettato anche nella seconda bozza, con la limitazione che ci sarà un minor tempo di reazione.

 

Funzionamento completamente automatico

Basso costo di esercizio:

1 kg di zolfo costa circa 0.20 €

Basso consumo di vapore ed energia (la reazione esotermica della combustione dello zolfo viene utilizzata per riscaldare il sistema)

Pentol ha fornito più di 90 unità in Europa.

I clienti soddisfatti possono essere visitati in qualsiasi momento.

Prossimi passi

Dobbiamo metterci in contatto personalmente.

Le domande riguardanti la funzione, il supporto e le vendite ricevono risposta tramite supporto chat in linea ed e-mail a sales@pentol.net, più velocemente possibile.

Pentol offre unità di test per verificare la compatibilità con il tuo processo. 
Ogni applicazione è unica

 

Scarica PDF

TECNOLOGIA - Condizionamento del cloro (trattamento anticorrosivo)

 Inglese

Prevenzione della corrosione da cloruri

 Inglese